Skip to main content
 049 8804117    progettogulliver2013@gmail.com
  • Slide 01
  • Slide 02
  • Slide 03
  • Slide 04
  • Slide 01
  • Slide 02
  • Slide 03
  • Slide 04

Progetto Gulliver APS

Siamo un gruppo di persone disabili fisici che vogliono valorizzare la propria vita con il lavoro.
Nel 2003, dopo un'esperienza come cooperativa sociale, abbiamo fondato l'Associazione Progetto Gulliver APS.

La nostra è una piccola realtà associativa e lavorativa che vede impegnate una decina di persone con disabilità motoria in attività di editoria elettronica e grafica, attività che riusciamo ad esplicare anche grazie alla presenza di una decina di volontari, che donandoci il loro tempo e la disponibilità a svolgere per noi compiti che i nostri muscoli non ci consentono, diventano il cuore pulsante dell'associazione.

Sosteniamo, inoltre, attività di promozione sociale e sensibilizzazione nei confronti delle varie problematiche relative alla disabilità.

Letture ad alta voce

Cari amanti della lettura, vi aspettiamo tutti i giovedì dalle 15.00 alle 16.00, presso l'Associazione Progetto Gulliver - Portierato Santa Croce in via Marghera 14 a Padova, per gli incontri di lettura ad alta voce.

Giovedì 9 maggio iniziamo a leggere:

copertina libro

Elba, ha quindici anni, è nata e abita nel “mezzomondo”, che in realtà è un manicomio.
Qui vive anche sua madre, internata quando era ancora incinta di lei.
Come le altre pazienti rinchiuse, anche Elba ha le sue manie: numera ossessivamente gli oggetti, parla in rima, canta le sigle delle pubblicità, da fuoco alle cose e classifica ogni disturbo che mostrano le sue compagne. Scrive e annota tutto sul suo “diario dei malanni di mente”. Per lei esistono i matti e i “mica-matti”, ovvero coloro che non sanno di esserlo. Attraverso la sua immaginazione reinventa, da ad ogni cosa e persona un nome che la identifichi: “suor Nicotina”, “Lampadina”, “Mastro Lindo”, e così via. Racconta così del suo universo, il solo che conosce. L’unica occasione in cui scopre il mondo al di là del manicomio è quando, a nove anni, viene mandata a studiare dalle “Suore Culone”, come le chiama lei. Ma ottenuta la licenza media, Elba decide di ritornare al “Fascione” per ricongiungersi con la mamma. La vita di Elba si intreccia, a questo punto, con il giovane psichiatra Fausto Meraviglia che si è ficcato in testa l’idea di tirarla fuori dal manicomio, anzi di eliminarli proprio, i manicomi; del resto, è quel che prevede la legge Basaglia, approvata pochi anni prima.

Con la sua scrittura intensa, originale, piena di musica, Viola Ardone ci pone di fronte a questioni di cruciale importanza, come: la cura dei disagi psichici, l’orrore dei manicomi, il sottile confine fra normalità e follia, i rapporti familiari, la paura e il desiderio di libertà.

Buona lettura e buon ascolto!

Portierato Santa Croce

Nel quartiere Santa Croce a Padova in Via Marghera n. 14 puoi trovare uno spazio dedicato a te.

Ti aiuteremo a districarti con le numerose pratiche da svolgersi attraverso i portali online della Pubblica Amministrazione.

Se sei fuori casa possiamo ricevere per te piccoli pacchi e la tua corrispondenza.

Siamo anche una stazione di bookcrossing ove gli amanti della lettura potranno prendere, lasciare libri e seguirne il loro viaggio attraverso il sito www.bookcrossing.com e rilasciare un commento.

Dall'autunno del 2023 sono ripartiti i nostri incontri di lettura. Se siete interessati veniteci a trovare.

In attesa di realizzare nuove iniziative, incontri, intrecci con le diverse realtà del territorio, siamo pronti e recettivi ad accogliere proposte e idee da sviluppare in quartiere.

5x1000

Progetto Gulliver APS

Sei sensibile al mondo del sociale?
Aiutaci a continuare questa bella esperienza

High Tech Gym

High Tech Gym

Uno spazio e un punto di riferimento per apprendere ed allenarsi tra informatica e disabilità

Portierato Santa Croce

Portierato S. Croce

Per le pratiche online
con la Pubblica Amministrazione
vieni da noi!

Bookcrossing

Bookcrossing

Nella stazione di bookcrossing puoi fermarti per prendere e lasciare libri